Per il 2011... ho deciso, prendo un amante su Gleeden.com!

Clicca sull’immagine per ingrandire

Discrezione
garantita al 100%!

Iscriviti


Incontri sicuri, veri e discreti!
Una sola condizione: nessun falso utente!
Migliaia di persone iscritte in tutto il mondo!

News postata il 04/01/2011, categoria: Attualità

Per il 2011... ho deciso, prendo un amante su Gleeden.com!

Ci sono due tipi di buoni propositi. I negativi che durano due minuti (quelli che prevedono divieti) e i positivi, quelli che durano tre mesi (che prevedono concessioni). Ma stranamente, si mette raramente « prendere un amante » nella lista dei buoni propositi dell’anno successivo.

Forse perché crediamo ancora a Babbo Natale. E pensiamo che l’amante impacchettato pioverà dal cielo portato dalle renne. Allora diciamo subito che gli incontri, come i glutei scolpiti, non cadono dal cielo, ma bisogna guadagnarseli: non funziona dire “arriverà quando meno te lo aspetti”. No, bisogna agire.

Chi ha voglia che il 2011 assomigli al 2010? Io no. Non perché sia stato male, ma vorrei che il 2011 fosse migliore se possibile. Ora, cosa rende felici nella vita? Gli amanti. I loro sorrisi, i loro corpi e tutti i loro gesti: ci desiderano, ci aprono nuovi orizzonti, ci fanno ridere, ci esasperano, ci inviano delle loro foto sotto la doccia come mamma li ha fatti. Ci sono persone che credono al buddismo, io credo agli uomini virili che hanno gli occhi color del ghiaccio sotto la pioggia d’autunno. Credo anche che non mi piaccia molto annoiarmi, che niente mi fa sentire più viva che incontrare una bella creatura. Perché si, 2011 vuol dire che stiamo invecchiando. Ok, il tempo passa, ma possiamo ancora approfittarne, o no? Prima che la calvizie (per lui) e la cellulite (per lei) avanzino inesorabilmente e rendano tutto più complicato? Su, coraggio. Lo sapete benissimo che rimpiangerete sul letto di morte tutti i momenti piacevoli che vi siete lasciati scappare.

In poche parole, decidere di concedersi un amante per il 2011 permette di far ingoiare più facilmente la pillola dei cattivi buoni propositi. Fare più sport? Ok, ma anche avere uno scopo in mente, altrimenti resisterete dieci secondi sul tapis roulant prima di morire di noia (si, parlo per esperienza personale). Smettere col cioccolato? Forse, ma con cosa compensare la frustrazione se non con un amante? Uscire con gli amici più spesso? Volentieri, ma non si può far tutto con gli amici. Fare le pulizie più di una volta ogni sei mesi? Cucinare? Soltanto se c’è qualcuno da conquistare. Lo dico perché serve convincimento.

A ben dire, non dovremmo mai essere autorizzati a parlare di buoni propositi se non abbiamo deciso prima di prendere un amante. L’infedeltà, a essere realisti, è una condizione assolutamente necessaria per il miglioramento personale.

Conviene quindi fare uno sforzo di volontà, e questo cade a fagiolo, il mese di gennaio è ufficialmente il mese della volontà (febbraio è quello della rinuncia e marzo della ripresa delle sigarette).

L’amante si merita. L’amante si prende, si lega, e si porta a casa – e solamente dopo si fa un abbonamento in palestra o la dieta delle carote. Perché nel 2011, l’amante è una promessa di energia, di cambiamento, di piacere, di messaggini infuocati, ristoranti troppo cari, di libido adolescenziale.

Personalmente, questo è il peggio che vi auguro...

Buon Anno!

Maïa Mazaurette è autrice del blog sexactu, e di diverse opere tra cui "Osez les rencontres sur Internet".